Tel. 081 803 5720 info@centrostampasrl.it
Condividi l'articolo:

Facciamo un passo indietro, qual è uno dei momenti più felici che ricordi di quando eri bambino? Scommettiamo che parliamo del Natale ma sopratutto dell’atto di scartare i regali custoditi da giorni sotto l’albero? Ecco, tecnicamente questo atto si chiama “unboxing” ed oggi ti spieghiamo perché è così importante.

Emozioni, effetto WOW, sorpresa, sono tutti componenti essenziali in alcuni momenti ed i grandi Brand lo hanno capito da tempo, per questa ragione investono molto sia sul packaging che su tutto ciò che lo circonda.

Pensaci bene, qual è uno dei punti di contatto più importanti tra azienda e cliente? Semplice, il momento della consegna  quando l’attesa di toccare con mano il prodotto acquistato è seconda soltanto alla gioia di averlo ordinato.

Ed è in questo preciso istante che entra in gioco l’esperienza dell’unboxing e comporta quella scarica di adrenalina e felicità che rende un acquisto emozionante.

Costruire un’esperienza di marca 

Prova ad immaginare il momento dell’unboxing come uno spettacolo teatrale dove il packaging rappresenta il teatro all’interno del quale si esibisce la star del momento, il prodotto, l’articolo che hai ordinato.

In realtà queste non sono esattamente parole nostre ma di una persona che ha compreso prima di tutti l’importanza di costruire una gratificante esperienza visuale e tattile affinché il brand entri prepotentemente nella testa del consumatore.

“Il packaging può essere teatro, può creare una storia.” (Steve Jobs)

Questa frase, pronunciata dal fondatore della Apple nel 2001, è diventata più attuale che mai, basti pensare a quanto siano importanti i video di spacchettamento che riempiono i nostri social da diverso tempo. E quanto, sopratutto, vengano tenuti in considerazione.

Gli eventi (di qualsiasi tipo) e le reazioni che scaturiscono dalla loro comunicazioni online sono diventate un vero e proprio fenomeno di genere, su YouTube esistono canali dedicati (i React Channel) grazie ai quali gli utenti guadagnano condividendo online le proprie reazioni.

Su Instagram e Facebook vengono pubblicati continuamente video di unboxing da parte di consumatori che sono stimolati direttamente dal Brand presso il quale è stato effettuato l’acquisto. Questo a proposito della rilevanza della riprova sociale.

Come rendere un unboxing “unico”

Immagina di aver appena avviato un e-commerce e dover quindi iniziare a confrontarti sia con il mercato che con la concorrenza, quest’ultima non solo agguerrita ma operante nel settore da un tempo maggiore.

A queste condizioni come riuscirai ad importi sul mercato? Purtroppo non è questa la sede per consigliarti una corretta strategia di marketing ma possiamo assicurarti che una delle azioni da compiere per “fare la differenza” è prestare attenzione al tuo packaging.

Come? Questo possiamo dirtelo, continua a leggere per scoprire quali sono i punti da esaltare quando intendi costruire una scatola memorabile.

POSIZIONE: il prodotto è al centro del tuo universo e di quello del cliente, non dimenticare di posizionarlo correttamente all’interno del box. Puoi decidere di farlo vedere immediatamente spostandolo appena si apre la scatola oppure alla fine, dopo aver presentato eventuali accessori presenti.

RIEMPIMENTO: quali sono i materiali riempitivi che hai deciso di utilizzare nel tuo packaging? Non commettere l’imperdonabile errore di tralasciare questi dettagli perché sono tra quei particolari in grado di condizionare la scelta del consumatore.

Puoi utilizzare la carta, è vero, oppure semplicemente quel bellissimo materiale plastico composto da bolle d’aria che provocano grande soddisfazione quando le fai scoppiare (si chiama Pluriball ma così suona meglio).

Oppure scegliere materiali diversi come la carta velina o altri più morbidi che oltre a ridurre le sollecitazioni dell’oggetto contenuto nella scatola rendono l’esperienza tattile decisamente più intrigante.

OMAGGI E NON SOLO: quale può diventare il valore aggiunto più importante di un acquisto? Magari un omaggio oppure un piccolo dettaglio in grado di aggiungere qualcosa di particolare all’esperienza di acquisto.

Fai trovare un Buono Sconto all’interno del tuo packaging, qualcosa che contribuisca ad alimentare l’effetto WOW nel momento dell’unboxing.

Riempi il box con una serie di campioni omaggio (oggetti legati al prodotto che contiene), posiziona un biglietto personalizzato contenente i ringraziamenti per aver acquistato presso la tua azienda e firmato a mano dal titolare/responsabile del servizio.

Queste piccole attenzioni che apparentemente possono sembrare delle “assurdità” (parola utilizzata veramente da alcune persone), migliorano decisamente l’esperienza complessiva d’acquisto e riescono a trasformare un possibile cliente in un cliente fidelizzato. O quasi.

L’esperienza di unboxing

Ed è esattamente sull’ultimo punto che devi puntare per aumentare il fatturato. Ora ti spieghiamo perché. L’e-commerce, ed il suo conseguente aumento della concorrenza, ha contribuito ad alzare l’asticella dell’attenzione verso il cliente permettendo ai brand di giocarsela sui servizi accessori.

Uno dei servizi accessori è la condivisione del momento emotivamente più importante di tutto il processo d’acquisto, appunto l’unboxing. Quali sono i suoi vantaggi? Anche questa risposta te la forniamo noi.

VALORIZZA

Quante volte lo abbiamo scritto in questo articolo? Beh, è sempre meglio ripeterlo: se desideri aumentare la tua base clienti e di conseguenza il fatturato devi vendere un prodotto ma offrire molto di più di esso. Un’esperienza memorabile è decisamente una grande offerta.

IMPRESSIONA

Abbiamo parlato di e-commerce? Continuiamo su questa strada. L’acquisto online ha meno punti di contatto di quello reale quindi devi sfruttarli tutti. Dalla mail della conferma ordine a quella di avvenuta spedizione. Dalla scelta del packaging ad, indovina un po’, il momento unboxing.

FIDELIZZA

Per considerare un cliente “acquisito” non basta un solo acquisto, ne occorrono diversi, come farai per assicurarti che i clienti tornino ancora a comprare da te?

Newsletter, sconti sul secondo acquisto, programmi fedeltà sono tutte scelte possibili ma non certo semplici ed economiche da implementare. E quando sei piccolo la capacità di investimento diventa un grandissimo limite.

Perché non ricorrere allora a strumenti più economici e di forte impatto? Le emozioni sono gratuite, stimolarle non costa nulla e coccolare il cliente può costare molto meno di software ed uffici.

Insomma abbiamo cercato con questo articolo di trasmetterti alcuni concetti che se applicati correttamente possono contribuire a farti crescere professionalmente ed economicamente.

Se hai bisogno di un supporto, una richiesta o semplicemente desideri fare quattro chiacchiere con un consulente professionista non hai che da chiedere. Inviaci una mail e ci metteremo in contatto con te.

Condividi l'articolo: